Bibbiano: realtà isolata o fenomeno italiano?

Il convegno su Bibbiano che si è tenuto lo scorso 25 settembre a Bologna è stato davvero molto partecipato. 

Vedere la sala piena e poter assistere a tutti gli interventi è stata un’occasione importante per non dimenticare e, di più, è stata l’occasione giusta per puntare un vero e proprio riflettore su quelle vicende e su quei fatti che una certa parte della politica italiana preferirebbe restassero nell’oscurità.

Non soltanto interventi dei relatori, ma anche testimonianze dirette di persone che hanno subito le conseguenze di quel sistema; fatti reali, analizzati e commentati con esperti e giornalisti: da Francesco Morcavallo, avvocato, già Giudice del Tribunale per i Minori di Bologna, a Giovanni Camerini, psichiatra e neuropsichiatra infantile, da Gian Luca Vignale, membro dello staff del Presidente della Regione Piemonte ai giornalisti Antonio Rossitto di Panorama e Massimiliano Mazzanti, moderatore dell’evento, senza dimenticare l’intervento in diretta di Alessandro Meluzzi, psichiatra e docente di psicologia di comunità presso l’Università salesiana di Roma.


Parliamo di Bibbiano

Nell’occasione segnalo due miei articoli riguardo al sistema Bibbiano che possono aiutare ad inquadrare la vicenda ed i suoi contorni:

1) Parliamo di Bibbiano (prima puntata): l’origine di “Angeli & Demoni”

2) Parliamo di Bibbiano (seconda puntata): perchè il PD non ne vuole parlare


Il convegno: video completo

Per chi non è riuscito a partecipare e desidera rivedere il convegno è disponibile il video completo a questi link:

YouTube: https://youtu.be/TPv-0SCbvHs

Facebook: https://www.facebook.com/faccimichele/videos/2428630710745299/


Purtroppo l’audio non è dei migliori:

è stato fatto il possibile per diminuire il riverbero
dato dal particolare ambiente in cui si è tenuto l’incontro,
una ex chiesa del Cinquecento.


Per seguire l’evolvere di questa e altre vicende che altri vorrebbero che fossero dimenticate vi invito a seguirmi su:

Facebook (https://fb.me/faccimichele)
oppure Twitter (https://twitter.com/michelefacci)
o su Instagram (https://www.instagram.com/michele.facci/)

Un saluto cordiale,

Michele Facci